Contenuto principale

Un chant d'amour. Come mettere in scena l’odio?

Dal   al 

Giovedì 25 novembre il Teatro Sperimentale di Pesaro ospita un nuovo appuntamento della stagione dedicata al contemporaneo promossa dal Comune di Pesaro e dall’AMAT con Un chant d’amour. Come mettere in scena l’odio? di Teatro Rebis, scrittura scenica e regia di Andrea Fazzini, con Meri Bracalente, Massimiliano Ferrari, Fernando Micucci, Francesca Zenobi.

Giovedì 25 novembre (ore 21) al Teatro Sperimentale Un chant d’amour che prende spunto dai cosiddetti ‘fatti di Macerata’, accaduti tra gennaio e febbraio 2018. Si tratta dell’omicidio della giovane romana Pamela Mastropietro ad opera del nigeriano Innocent Oshegale e il successivo attentato di matrice razzista del maceratese Luca Traini –  filtrati attraverso la pièce I Negri di Jean Genet, di sessant’anni precedente, rielaborata e allestita in forma di teatro d’arte di burattini, in collaborazione con il Teatro Medico Ipnotico di Parma. Non uno spettacolo documentativo, quanto piuttosto una riflessione intimista, onirica e politica nel senso ‘drammatico’ del termine, vale a dire di contrapposizione di opinioni e deliri, di azioni e visioni, di tragico e farsesco; insomma, un canto d’amore.

BIGLIETTI posto unico €8 Ridotto €5
biglietteria Teatro Sperimentale 0721 387548
vendita online vivaticket
info@teatridipesaro.it
www.teatridipesaro.it

UN CHANT D’AMOUR
Come mettere in scena l’odio?

scrittura scenica e regia Andrea Fazzini
con Meri Bracalente, Massimiliano Ferrari, Fernando Micucci, Francesca Zenobi
burattinai Patrizio Dall’Argine e Veronica Ambrosini
produzione Teatro Rebis



Torna all'inizio