Contenuto principale

Decessi e cremazioni

Dichiarazione di morte

Quando si verifica un decesso occorre effettuare la dichiarazione di morte entro ventiquattro ore presso l’ufficio comunale di stato civile.
Se il decesso avviene in ospedale oppure in casa di cura o di riposo, l’avviso di morte è trasmesso dal direttore sanitario della struttura o da chi nè è stato delegato.
In caso di decesso in abitazione privata, la dichiarazione è resa da uno dei congiunti o da un loro delegato.La dichiarazione deve essere resa allegando contestualmente il certificato medico di constatazione di decesso e la scheda Istat rilasciati dal medico curante.
Effettuata la visita necroscopica dovrà essere prodotto il relativo certificato rilasciato dal Medico Necroscopo; conseguentemente viene rilasciato il permesso di seppellimento che permette la celebrazione del funerale.

 

Trasporto funebre in altro Comune o all’estero.

Su istanza dei familiari, e nel rispetto della volontà del defunto, è possibile trasportare la salma in un altro Comune italiano per la celebrazione delle esequie e per la sepoltura. L’istanza va presentata al servizio cimiteriale di Aspes SpA (presso il cimitero centrale - via Mirabelli 13 – tel. 0721/390705) che rilascerà la relativa autorizzazione.

La richiesta di trasporto di salma all’estero va presentata all’ufficio di Stato Civile del Comune di Pesaro, competente al rilascio della relativa autorizzazione.

Per il rilascio dell’autorizzazione al trasporto funebre all’estero deve essere prodotta la seguente documentazione:
1) Istanza sottoscritta da un familiare o da una persona delegata con documento di riconoscimento del richiedente
2) certificazione medica attestante l’idoneità del feretro (rilasciato dall’autorità sanitaria)
3) nulla-osta al rimpatrio della salma rilasciato dall’autorità consolare del Paese di destinazione  
   (solo per i trasporti all’estero in stati non aderenti alla Convenzione di Berlino).

 

Cremazione, affidamento dell’urna cineraria ai familiari, dispersione ceneri in natura

La cremazione di un defunto è ammessa nei seguenti casi: 1) se esiste una disposizione testamentaria del defunto (testamento olografo, pubblico, ecc.); 2) se il defunto era iscritto ad una associazione per la cremazione (So.Crem., ecc.);  3) su richiesta del coniuge o, in mancanza, della maggioranza assoluta dei parenti più prossimi ai sensi degli artt. 74 e seguenti del codice civile, i quali devono sottoscrivere apposita dichiarazione.
Il Comune di Pesaro non è dotato di impianto di cremazione. Il trasporto della salma all'impianto di cremazione è autorizzato dall’ufficio di stato civile contestualmente all’autorizzazione alla cremazione. La cremazione è un servizio a pagamento, a carico dei richiedenti.
Avvenuta la cremazione, i familiari aventi titolo possono chiedere l’affidamento dell’urna cineraria per la conservazione presso la propria abitazione.
E’ possibile richiedere anche la dispersione delle ceneri qualora il defunto abbia manifestato per iscritto tale volontà in forma testamentario oppure nell’ambito dell’iscrizione ad una So.Crem.

 

 

Servizi cimiteriali

I servizi cimiteriali del Comune di Pesaro sono gestiti dalla società Aspes SpA;
Consuta le pagine informative  cliccando sul link Aspes servizi cimiteriali 
                         
Per informazioni su questioni attinenti l’organizzazione del funerale e la scelta delle sepolture è possibile rivolgersi ai competenti uffici presso:
Cimitero Centrale, via Mirabelli, n. 13 - tel. 0721/390705.

Torna all'inizio