Contenuto principale

Referendum costituzionale ex art. 138 della Costituzione del 29 marzo 2020

Con il D.P. R. 28 gennaio 2020 è stato indetto, per il giorno 29 marzo 2020, il referendum popolare, ex art. 138 della Costituzione, confermativo del testo di legge costituzionale concernente "Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione, in materia di riduzione del numero dei parlamentari".

Il testo del quesito referendario è il seguente:

"Approvate il testo della legge costituzionale concernente "Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari" approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana - Serie generale  - n. 240 del 12 ottobre 2019?" 

Le operazioni di voto si svolgeranno domenica 29 marzo 2020, dalle ore 07:00 alle ore 23:00 e le operazioni di scrutinio avranno inizio subito dopo la chiusura della votazione.

Decreto del Presidente della Repubblica 28 gennaio 2020

Manifesto convocazione comizi

Propaganda elettorale

In vista dello svolgimento della consultazione referendaria di domenica 29 marzo 2020 si riportano di seguito gli adempimenti in materia di propaganda elettorale:

PRESENTAZIONE DOMANDE PER AFFISSIONE DI STAMPATI E MANIFESTI

I partiti o gruppi politici rappresentati in Parlamento e il gruppo dei promotori del referendum che intendano affiggere stampati o manifesti di propaganda devono presentare alla Giunta comunale istanza di assegnazione dei relativi spazi entro il 34° giorno antecedente quello della votazione, quindi entro lunedì 24 febbraio 2020.

Le domande dorvanno essere sottoscritte dai rispettivi organi nazionali o parlamentari o dai rispettivi organi a livello regionale, provinciale o comunale, o sottoscritte da persone delegate. Le domande provenienti dai promotori del referendum dovranno essere sottoscritte da almeno uno dei promotori stessi.

Le domande di assegnazione degli spazi devono pervenire al Comune mediante consegna a mano, posta ordinaria, e-mail o PEC. Lunedì 24 febbraio 2020, esclusivamente per la ricezione delle domande, l'ufficio protocollo resterà aperto fino alle ore 19,00.

DELIMITAZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI DI PROPAGANDA DIRETTA

La Giunta comunale deve provvedere a individuare, delimitare e ripartire gli spazi per l'affissione di stampati e manifesti di propaganda fra partiti, gruppi politici e promotori che ne abbiano fatto richiesta, tra il 33° eil 31° giorno precedente quello della votazione, e quindi tra martedì 25 e giovedì 27 febbraio 2020

INIZIO DELLA PROPAGANDA

Dal 30° giorno precedente quello della votazione (quindi da venerdì 28 febbraio 2020), sono vietati:

- il lancio o il getto di volantini in luogo pubblico o aperto al pubblico;

- ogni forma di propaganda luminosa mobile o fissa, escluse le insegne delle sedi di partito.

Nei 15 giorni precedenti la votazione (a partire da sabato 14 marzo), sino alla chiusura delle operazioni di voto, è vietato rendere pubblici i risultati di sondaggi demoscopici.

DIVIETO DI PROPAGANDA

Nel giorno precedente e in quello della votazione (sabato 28 e domenica 29 marzo) sono vietati comizi, riunioni di propaganda elettorale, in luoghi pubblici o aperti al pubblico. Nel giorno della votazione è vietata ogni forma di propaganda nel raggio di metri 200 dall'ingresso delle sedi elettorali.

Nomina degli scrutatori per il referendum costituzionale confermativo del 29 marzo 2020

Si pubblica il bando relativo alla nomina degli scrutatori in occasione del referendum costituzionale confermativo del 29 marzo 2020.
Si allega a tal fine la dichiarazione di disponibilità alla nomina di scrutatore, da presentare secondo le modalità indicate entro il 29 febbraio 2020.


Attenzione: si rende noto che la domanda eventualmente già presentata in occasione del precedente referendum del 19 gennaio 2020 (fusione Monteciccardo-Pesaro) sarà ritenuta valida a tutti gli effetti anche per il referendum del 29 marzo. Non sarà quindi necessario ripeterla.

Elettori temporaneamente residenti all'estero

Gli elettori temporaneamente all'estero possono esercitare l'opzione del voto per corrispondenza nella circoscrizione Estero. 

L'elettore deve trovarsi all'estero per un periodo minimo di almeno TRE mesi nel quale ricade la data di svolgimento della consultazione (29 marzo).


Ai fini della propria iscrizione nell'elenco degli elettori temporaneamente all'estero per il referendum costituzionale del 29 marzo 2020, dovranno far pervenire la presente opzione, utilizzando il modulo sotto riportato, al comune italiano di iscrizione nelle liste, ENTRO E NON OLTRE IL 26 febbraio 2020 via posta, telefax, posta elettronica anche non certificata o recapitata a mano, anche tramite terze persone.

Il modulo deve essere accompagnato da fotocopia di un valido documento di identità.

Coloro che eserciteranno tale opzione non saranno inseriti nelle liste degli elettori del territorio nazionale.

Elettori AIRE - Opzione voto in Italia

In occasione del referendum costituzionale indetto per il 29 marzo 2020, gli elettori italiani residenti all'estero votano per corrispondenza, fatta comunque salva la possibilità degli stessi di votare in Italia, previa apposita e tempestiva opzione da esercitare entro il prossimo 8 febbraio 2020 presso il Consolato territorialmente competente.

Potrà farsi uso del modello predisposto dal Ministero dell'Interno di seguito scaricabile.

Voto domiciliare

Gli elettori affetti da infermità che ne rendano impossibile l'allontanamento dall'abitazione possono, ai sensi dell'articolo 1 d.l. n. 1/2006 convertito dalla legge n. 22/2006 e succ. modifiche, chiedere di esprimere il voto presso l'abitazione in cui dimorano.

L'elettore interessato dovrà far pervenire al Sindaco del Comune nelle cui liste elettorali è iscritto -  utilizzando il modulo sotto riportato - un'espressa dichiarazione attestante la propria volontà di esprimere il voto presso l'abitazione in cui dimora, corredata della prescritta documentazione sanitaria, in un periodo compreso fra il 40° giorno e il 20° giorno antecedente la data di votazione, ossia fra martedì 18 febbraio e lunedì 9 marzo 2020.

Tuttavia, in un'ottica di garanzia del diritto di voto, eventuali domande pervenute successivamente verranno valutate, compatibilmente con le complesse esigenze organizzative legate a questa particolare tipologia di voto.

La domanda di ammissione deve indicare l'indirizzo dell'abitazione in cui l'elettore dimora e possibilmente un recapito telefonico. Deve inoltre essere corredata di copia della tessera elettorale e di idonea certificazione sanitaria rilasciata da un funzionario medico designato dagli organi dell'azienda sanitaria.

L’istanza puo' essere presentata:

    all’Ufficio Elettorale;
    allo Sportello Informa&servizi (Largo Mamiani 11);
    a mezzo fax 0721/387378.

Torna all'inizio