Contenuto principale

Le Sale Comunali nei Quartieri

La Giunta comunale, con deliberazione 242 del 27/10/2021 stabilisce che le sale in gestione agli Uffici di Quartiere, destinate prioritariamente allo svolgimento delle attività di natura istituzionale, possono essere assegnate ad altri soggetti, con esclusione di quelli che hanno uno scopo di lucro, secondo le seguenti modalità:

a)    occasionalmente: Sono occasionali le attività e gli eventi che hanno breve durata e che non presentano il carattere della ripetitività (es: mostre, esposizioni, eventi culturali, conferenze, riunioni e assemblee). Per l’uso occasionale delle sale è applicata la tariffa come da prospetto in calce.

Sono escluse iniziative private quali feste, compleanni, rinfreschi comunque denominate.


b) in via non esclusiva, per periodi ricorrenti e programmati non superiori all’anno: sono ricorrenti e programmate le attività che vengono svolte con continuità nell’arco dell’anno ed in orari prestabiliti (es: corsi di musica, formazione culturale, attività sociali e pratiche sportive). Per l’uso non esclusivo delle sale è applicata la tariffa come da prospetto in calce.

In caso di sopravvenute esigenze istituzionali dell’Amministrazione comunale e/o del Consiglio di Quartiere, l’assegnazione delle sale decade automaticamente con semplice comunicazione da parte dell’ufficio preposto.

c) in via esclusiva: è esclusivo l’uso della sala quando non sono consentite forme di aggregazione da parte di soggetti terzi. L’istanza dovrà essere preventivamente sottoposta alle valutazioni del Consiglio di Quartiere competente per territorio. L’uso esclusivo delle sale è disciplinato con specifico atto di regolazione (concessione o locazione in corrispondenza alla tipologia di bene assegnato).

AVVERTENZE

Le istanze dovranno essere inoltrate ai seguenti indirizzi:
- EMAIL (solo per cittadini privati): decentramento@comune.pesaro.pu.it 
- PEC: comune.pesaro.demografici@emarche.it 

I pagamenti dovranno essere effettuati con bonifico al seguente
-    IBAN: IT75J0103013302000001717187

 

GREEN PASS - Adempimenti connessi alle previsioni di cui al D.L. n. 105/2021 in materia di emergenza epidemiologica da Covid – 19.

A far data dal 6 agosto 2021, l’accesso alle sale è subordinato al possesso di una certificazione verde COVID-19 in corso di validità.
La verifica della sussistenza di tale certificazione viene rimessa all’esclusiva competenza e responsabilità delle associazioni/società richiedenti alle quali l’ufficio di Quartiere ha assegnato i relativi spazi orari.
Tale ultima previsione normativa - all'art. 13 - dispone in merito alle modalità di espletamento della detta verifica ivi individuando i soggetti a ciò deputati tra i quali, per quanto in questa sede interessa, rientrano il "legittimo detentore di luoghi o locali presso i quali si svolgono eventi e attività per partecipare ai quali è prescritto il possesso della certificazione verde Covid-19 nonché loro delegati". Tale interpretazione, peraltro, risulta confermata dalla nota informativa resa in data 2 agosto 2021 da ANCI.
Ad ogni buon fine si ricorda come le certificazioni vaccinali si distinguano in tre tipologie: a. certificato di vaccinazione; b. certificato di guarigione; c. certificato del test molecolare o antigenico.

Il requisito del possesso della certificazione in parola non si applica: a) ai soggetti che in ragione dell’età non rientrino nella campagna vaccinale contro il Covid-19; b) ai soggetti per i quali un’idonea certificazione medica attesti l’incompatibilità della vaccinazione in oggetto con il proprio stato di salute.

NOTA: L’obbligo del green pass è obbligatorio per accedere ai seguenti servizi e attività: (omissis) - g) centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, compresi i centri estivi, e le relative attività di ristorazione;

Torna all'inizio